Prove e indagini

Monitoraggi

Movimento delle fessurazioni con riscontri fissi

Tale sistema di rilevamento viene adottato quando devono essere misurati nel tempo movimenti in evoluzione. In particolare quando non sono necessarie rilevazioni costanti per individuare l’esatto momento in cui avvengono variazioni.

Movimento delle fessurazioni con sistema multicanale in linea

Lo scopo del monitoraggio è il controllo costante dell’andamento delle fessure nel tempo. Sono associabili sensori di rotazione (delle pile), di vibrazione, di spostamento relativo, di movimento verticale assoluto, di forza, di livello della falda, di temperatura ambiente e di materiale. Il monitoraggio vuole esercitare un’opera di prevenzione allo scopo di limitare gli interventi postumi mantenendo intatto il grado di sicurezza dell'opera e la continuità del servizio.

Cedimenti assoluti con tazze livellometriche

Lo scopo del monitoraggio con livellometri è il controllo costante dell’eventuale cedimento-movimento delle fondazioni. Sono associabili sensori di rotazione (delle pile), di vibrazione, di spostamento relativo, di controllo delle fessure, di forza, del livello della falda, di temperatura ambiente e del materiale. Il monitoraggio vuole esercitare un’opera di prevenzione allo scopo di limitare gli interventi postumi mantenendo intatto il grado di sicurezza dell'opera e la continuità del servizio.

firenze

Lo scopo del monitoraggio è tenere sotto controllo, durante le fasi di demolizione di un edificio, le eventuali anomalie vibrazionali indotte dalla demolizione sulle strutture degli edifici adiacenti e la perdita di verticalità di edifici adiacenti all’area di cantiere.

firenze

Lo scopo del monitoraggio è di mantenere sotto controllo, durante l’ordinario transito giornaliero, i movimenti relativi fra le due mensole (spalle) e la parte centrale della trave Gerber, e le rotazioni delle mensole stesse.

VENEZIA – MONITORAGGIO PONTE DI CALATRAVA

Monitoraggio con 14 estensimetri, 2 potenziometri, 6 inclinometri, 4 sonde di temperatura, 1 anemometro, 1 rosa dei venti ed 1 telecamera ad infrarossi. Il monitoraggio e l’impianto oleodinamico rilevano l’andamento dello stato tensionale e deformativo, forniscono automaticamente l’allarme in caso di fenomeni di dissesto e compensano l’eventuale cedimento orizzontale delle spalle.

trento

Monitoraggio mediante sensori di spostamento atto a verificare: lo spostamento della testa delle pile nella direzione dell’impalcato, corretto comportamento degli appoggi scorrevoli ed evoluzione della deformata permanente della prima campata.

bolzano

Monitoraggio finalizzato alla valutazione della pericolosità del quadro fessurativo e di movimenti verticali relativi mediante sensori di spostamento e livellometri.

Brunico

Rilevazioni sperimentali atte a rilevare l’entità delle vibrazioni prodotte dal traffico veicolare sulle strutture di una casa d’abitazione mediante Minimate.